senza categoria

Quilling, la terza dimensione della carta

Tecnica ancora poco diffusa in Italia, ma della quale si sente sempre più parlare: il Quilling. Strisce di carta arrotolate che formano colorite composizioni creative, trasformano la semplice carta in oggetto d’arte.

Quilling - Yulia Brodskaya

Yulia Brodskaya

 

La filigrana di carta, traduzione italiana di quilling, ha tuttavia origini antiche. Alcune fonti fanno risalire la sua nascita all’Antico Egitto ma tracce più certe riconducono la sua diffusione al Rinascimento francese e quello italiano, quando nei monasteri venivano utilizzate per decorare le copertine dei libri religiosi. Diventa popolare in Europa nel XVIII secolo,  quando iniziò ad essere realizzato dalle signore della nobiltà come ricreativo nel tempo libero. Si diffuse anche in America dove acquisì grande popolarità.

Lungo la sua storia è andato incontro a svariare trasformazioni che includono nuove tecniche, stili e materiali. La sua popolarità in tutto il mondo è dovuta in gran parte al basso costo dei materiali e all’ampia applicazione di questa tecnica che ha come unico limite la fantasia.

La versatilità del quilling lascia libertà a uno svariato utilizzo che va dalla creazione di originali biglietti d’auguri, passando per quella di gioielli fino ad arrivare alla realizzazione di quadri e sculture che trovano spazio nelle gallerie d’arte.

Quilling - Paper Daisy Card Design

Paper Daisy Card Design

Quilling - Paperica

Paperica

Quilling - Yakawonis

Yakawonis Quilling

 

La tecnica di base è molto semplice, consiste nell’arrotolare e modellare strisce di carta più o meno sottili per creare diverse forme. Tra le più comuni che si possono modellare si trovano il cerchio, il semi-cerchio e la goccia, ottenuta semplicemente schiacciando con le mani la punta del cerchio. Una volta ottenute le forme si uniscono per creare la composizione finale.

Le strisce di carta possono essere trovate in commercio, oppure è anche possibile ritagliarle manualmente da normali fogli di carta colorati, ma attenzione, è importante che il taglio sia accurato e preciso. Per arrotolare la carta si utilizza uno strumento a punta d’ago con una sottile fessura che permette l’inserimento della carta e ne facilità l’arrotolamento, in assenza di questo strumento è possibile iniziare con uno spiedino di legno. Per fissare e unire i pezzi basta la semplice colla.

In commercio e online è possibile reperire altri strumenti  che permettono di lavorare con più accuratezza ma gli ingredienti fondamentali di questa arte sono in fine pazienza, tanta, precisione e creatività.

La popolarità del quilling raggiunge anche il mondo della grafica pubblicitaria con una delle più note artiste di questa tecnica: Yulia Brodskaya. Le sue opere, in effetti, sono state commissionate da grandi aziende come Starbucks, Cadbury e persino Hermés ha richiesto una composizione per il proprio marchio.

Quilling - Yulia Brodskaya per Cadbury

Yulia Brodskaya per Cadbury

 

Popolarità e versatilità hanno fatto sì che questa tecnica oltrepassasse le frontiere della carta per creare deliziosi riccioli di pasta di zucchero che decorano con eleganza e allegria torte uniche. Altri esempi sono le sperimentazioni con fimo per creare decorazioni e gioielli.

Quilling - Pasticceria

Pasticceria e Quilling

 

Le opportuni sono infinite, quindi, aspiranti quillers (termine per definire chi utilizza questa tecnica), armatevi di pazienza e date libero sfogo alla vostra fantasia.

About the author

Redazione Handmadeinitaly

5 Comments

  • splendide queste creazioni non mi sono mai dilettata in questa tecnica ma credo che sia veramente interessante

  • Io mi ci sto cimentando da poco con grandi soddisfazioni, con pochissimi strumenti, costi bassissimi, e un pò di pazienza si posso creare delle bellissime opere. Consiglio a tutti di provarci almeno una volta perchè qui in Italia non è tanto diffuso ed è un vero peccato.

  • Salve anch’io ho iniziato da poco ma questa tecnica mi ha conquistato e devo dire mi da molte soddisfazioni nonostante la mia poca manualita.Il 2 ottobre sono stata alla fiera a Bergamo e devo dire che ho un po’ snobbato lo stand del quilling.L’ho scoperto poco dopo su you tube e mi dispiaccio di non aver dato importanza a questa tecnica.Un saluto a tutte voi Giovanna

Leave a Comment